Ektachrome: A volte ritornano.

Ektachrome: A volte ritornano.

Chi è nato entro la fine del secolo scorso dovrebbe ricordasi quelle belle fotografie in pellicola, calde, dai colori saturi. Stiamo parlando di qualcosa che ha fatto storia, ovvero di una pellicola Kodak che sicuramente, almeno una volta, avrà impressionato, le vostre vacanze e viaggi.

Si chiamava Ektachrome ed è stata negli scaffali dei negozi di fotografia fino al 2012, quando, per ragioni di investimento, il produttore Kodak ha cessato la sua produzione, dopo anni di continuo declino delle vendite di pellicole.
Il digitale sembrava aver superato le vecchie pellicole, questo fino ad oggi. A quanto pare dalle analisi di mercato sembra esserci un “trend” di ritorno, un po come per i giradischi e i vinili, per le emulsioni fotografiche.
Negli ultimi due anni, pare che il mercato richieda nuovamente pellicole, sopratutto richieste da professionisti ed artisti che stanno riscoprendo il piacere del controllo manuale del processo fotografico.


Kodak Alaris, società del gruppo Kodak, in un recente podcast, ha dichiarato di aver preso in considerazione la decisione di riprendere il progetto Kodak Ektachrome per via delle continue richieste da parte dei fotografi.
La richiesta di questa pellicola, invertibile e sviluppabile con processo E6, pare non conosca un vero tramonto, tanto da far pensare ad un suo ritorno a breve.

Pubblichiamo il podcast andato in onda in Kodakery, registrato al CES di Las Vegas, nove giorni fa. Se volete ascoltare le dichiarazioni, dovete puntare al minuto 23:19.

Guardar



Articolo originale su: Ektachrome: A volte ritornano.

Tags fotografia
Category alpinfoto